Monsignor Paolo Palucci Bedini aveva tra i desideri più cari quello di realizzare un incontro del Vecchio Faro, di cui è stato Presidente sino alla sua morte, sulla Comunità ebraica ad Ancona. Un argomento che sentiva molto per l’interesse  che da sempre aveva verso le altre religioni monoteiste.

Un interesse che lo rese un punto fermo nel dialogo e nel confronto con le altre comunità, prima fra tutte quella ebraica. Parlare degli ebrei ad Ancona era per Don Paolo non solo un modo di parlare di quella collettività, della sua storia e delle sue tradizioni ma soprattutto il modo di parlare del loro rapporto e del loro contributo alla formazione della cultura  e della storia della città di Ancona.

Non si può infatti parlare di Ancona senza parlare di Ebrei. Significherebbe negare più di mille anni di storia perché fu proprio intorno alla fine del X secolo che risalgono le notizie più sicure  della presenza di questa comunità nella nostra città.

Il Vecchio Faro, da sempre impegnato nella ricerca storica delle tradizioni, della società  e della cultura cittadina, ha deciso, grazie all’impegno di Francesco Nagni, architetto instancabile di ogni iniziativa, di organizzare un incontro dedicato agli “Ebrei ad Ancona” per esaudire un desiderio di Monsignor Paolo Paolucci Bedini ma anche per rendere alla Comunità ebraica il giusto riconoscimento che tutta la città le deve.

L’incontro, che sarà aperto dal Presidente della I Circoscrizione , si terrà allo Sperimentale domenica 25 novembre, alle ore 16.30. A presentarlo sarà l’inconfondibile voce di Carlo Ceccati, mentre a parlare della storia e della cultura ebraica saranno rispettivamente la storica dell’arte Chiara Censi e Frida Di Segni Russi, scrittrice e storica della cultura ebraica.

Le immagini di Ancona sono state scelte da Sandro Censi, Responsabile dell’archivio fotografico della Città,  che le illustrerà con l’esperienza e la professionalità che gli sono proprie. A Claudio Desideri sarà affidato il compito di coordinare l’incontro ed allacciare i fili tra immagini, racconti, documenti della storia secolare di Ancona. Una storia che gli Ebrei hanno segnato nell’architettura, nell’economia, nella rapporto sociale, in avvenimenti lieti e in altri di grande dolore, lasciando un’impronta indelebile che è divenuta parte integrante di Ancona come lo è un innesto in un tronco che reca con se l’insieme della pianta madre e della pianta nuova il cui risultato è un frutto migliore perché più forte, più sano  e più buono.

Certamente non sarà cosa semplice parlare di mille anni di storia in un solo incontro, ma il Vecchio Faro cercherà di rispondere alle domande più importanti affrontando i temi legati al periodo che va dall’arrivo della comunità ad Ancona alla seconda Guerra mondiale, ai luoghi del ghetto e del cimitero, all’architettura e ai monumenti,a i documenti, alle tradizioni ed al ruolo occupato dagli ebrei nella società locale. Il tutto supportato dalle immagini, alcune inedite, di un mondo che è stato ed è anche oggi il mondo anconetano frutto di tante culture, religioni e persone che sono riuscite a confrontarsi, a convivere e a migliorarsi reciprocamente. 

 

Claudio Desideri

GLI EBREI

IN ANCONA

DOMENICA 25 NOVEMBRE

ore 16,30

TEATRO SPERIMENTALE

Ingresso libero

Un incontro del Vecchio Faro

sull'Ancona ebraica

 

  LE IMMAGINI DELLA SERATA