"I VIGOLI E LE CHIESE DEL PORTO"

Teatro Sperimentale, domenica 16 ottobre  2011, ore 16.30

Con Carlo Ceccati, Sandro Censi, Claudio Desideri, Antonio Luccarini, Marco Girolimini

Saluto del Vescovo Edoardo e dell'Assessore Andrea Nobili

 

Strade strette, vicoli tortuosi, finestre piccole e indiscrete, scalette e volti dove il sole entra a malapena. Una casba. Uno stile architettonico e urbanistico tipico di ogni porto mediterraneo.

Uno stile che disegna pienamente una città che nel porto ha trovato la ragione di esistere e attorno al porto è cresciuta disordinatamente come qualsiasi altra città della Croazia, della Grecia, del Marocco.

Questa città, Ancona, ha perduto questo suo tesoro di storia e di umanità, non per colpa sua ma a causa di una guerra che ha cambiato il suo volto più vero, il suo carattere, la sua comunità. E quella parte di Ancona sarebbe perduta per sempre se mani d’artista non avessero impresso le immagini in un negativo capace di restituire a noi, oggi, la storia, la bellezza della nostra città.

Una società non ha futuro se non conosce il proprio passato, come un albero senza radici non può vivere, si secca e muore. Ecco perché da sempre il Vecchio Faro dedica le sue semplici e limitate forze a far si che queste radici continuino a portare linfa alle nuove foglie, ai nostri giovani a chi vedrà l’Ancona del futuro.

È con questo spirito che Francesco Nagni, anima del Vecchio Faro e Don Paolo Sconocchini che ne è il Presidente, hanno organizzato il prossimo appuntamento dell’Associazione per domenica 16 ottobre alle ore 16.30 al Teatro Sperimentale.

“I vigoli e le chiese di Ancona” è il titolo dell’appuntamento che sarà presentato dalla voce inconfondibile di Carlo Ceccati. Sandro Censi, Responsabile dell’Archivio storico della città, proporrà una serie d’immagini che sapranno condurci lontano nel tempo per camminare nuovamente in quelle vie e entrare in quelle chiese purtroppo scomparse per sempre. Lo storico Antonio Luccarini parlerà dell’Ancona del tempo, della sua gente e dei molti aneddoti che sono legati al porto a alla sua storia. Una storia verace perché il porto è sempre stato il luogo in cui è vissuta quella parte della popolazione più autentica e che del vernacolo ha fatto la sua lingua ufficiale. Non potrà quindi mancare la lettura di poesie e di racconti in anconitano che grazie a Marco Girolimini ci faranno conoscere le storie e le vite di chi ci ha preceduto.

Saranno presenti il Vescovo di Ancona, Mons. Edoardo Menichelli e l’Assessore alla Cultura Andrea Nobili.

Questo incontro del Vecchio Faro sarà dedicato a Vincenzo Pirani che per tutta la vita ha contribuito a far conoscere Ancona ai suoi abitanti. Li ha aiutati a comprendere la sua storia, li ha condotti per mano nelle vie e piazze facendo notare la sua bellezza a volte nascosta, a volte dimenticata. Ha scritto parole che sono divenute pagine di libri fondamentali della nostra conoscenza ed è stato capace di far vibrare quelle corde dell’anima che troppo spesso l’anconetano tiene nascoste per paura che qualcuno, che può giungere dal mare in qualsiasi momento, possa distruggerle o rubargliele.

Claudio Desideri