Ene ani e ani che venimo a vede

com'era Ancona tanto tempo fa.

Felici, ogni ano, ce trovamo a sede

nte 'stu Teatro in dó se po' sognà

a ochi operti. Come per magia,

quando le luci in sala non c'è più,

è grande l'emuzió a rivede lia,

la vechia Ancona de la giuventù:

 

"... Scorrene a volte immagini strugenti

de le ruvine dei bumbardamenti,

e a volte è belo rivedé i portoni

e rivive la vita dei rioni

o risentì 'na bela scagnarata

e insieme facce na squaquarata ..."

 

Sarà intramontabile 'l successo

che ciane 'sti spetaculi anuali.

O gambi l'argomento o rifai el stesso,

è sempre afascinanti e beli uguali!!

Ce viene aposta tanti spetatori

per vive un par de ore de magia

indó le prime done e i grandi atori

è muti drento a 'na fotografia ...

 

El merito è de Nagni, ch'è l'autore,

che, visto che n'j piace fasse avanti,

sta sopt'al palco e, da gran signore,

saluta e da' la ma' a tuti quanti

i pezi grossi e li 'cumpagna a sede

e po', quando s'opre el sipario

se còmida in pultrona e smicia e vede

se tuto fila liscio o va 'l cuntrariu.

Ntel palco c'ene Peppe, c'è Ceccati

che, come sempre, fa el presentatore,

c'è Censi, el specialista dej filmati

ma, cume ho dito, nun c'è mai l'autore ...

 

Applausi a te Francesco, e al Vecchio Faro

per quelo che farai e quel ch'hai fato,

con tuto el core da 'n vernacolaro

che ama Ancona come un sfegatato.

 

 

 

francesco nagni


gianfranco giacchetta

18 aprile 2011